agosto 22, 2019     | Registrazione
Mar Rosso- Dahab, Blue Hole


Viaggio nel paradiso dei sub


A pochi chilometri da Dahab, sulla costa del mar Rosso, si nasconde un vero e proprio paradiso naturale, una meta sognata da tutti i subacquei del mondo: il Blue Hole. 
Questo spettacolare punto di immersione, unico al mondo, è costituito da una depressione sottomarina di circa 100 metri di profondità e 50 di ampiezza causata da un crollo; La zona è ricca di corallo e fauna tipica della barriera corallina.
Dall’alto  il Blue Hole appare come una grande voragine perfettamente circolare, quasi irreale per il blu profondo delle sue acque .
Il diametro della barriera corallina che si estende intorno al Blue Hole per circa 1.000 metri rappresenta un habitat ideale per i coralli e i microrganismi che in questa favorevole condizione riescono a riprodursi con facilità, protetti anche dalla temperatura dell’acqua le cui variazioni sono pressoché trascurabili.
Dal punto di vista geomorfologico questo sito è di fatto una dolina di calcare perfettamente circolare le cui pareti sono ricche di stalattiti e formazioni rocciose dalle forme più bizzarre che si moltiplicano all’aumentare della profondità.
Le formazioni rocciose già a -30 metri celano una serie di grotte ricche di prove della vita marina: spugne, vermi, gorgonie e alghe rendono il paesaggio marino quasi irreale per la sua perfezione;
in questa zona non è raro avvistare anche tartarughe e squali, anche se non si tratta certamente di un evento frequente.
Ma la bellezza del Blue Hole può ingannare anche i subacquei più esperti, con conseguenze spesso tragiche.
Noto anche come “Diver's Cemetery" (Cimitero dei sub), questo luogo magico induce spesso gli sportivi ad oltrepassare i limiti dell’immersione subacquea, superando i -40 metri di profondità.
Questa leggerezza è spesso legata al tentativo di individuare il tunnel attraverso la barriera corallina (noto come l"Arco") che collega il Blue Hole col mare aperto, a circa 60 metri di profondità.
Le conseguenze sono spesso fatali a causa dell’insorgere della narcosi d’azoto che impedisce al subacqueo di agire in modo consapevole, portandolo spesso ancora di più verso l’abisso.


Valentina Pascali
Pubblicato su
http://www.eclipse-magazine.it

Archivio

 
Mar rosso- Dahab, Blue Hole
Isole Salomone
Sudafrica- Gansbaai
Isola di Bora Bora
Tahiti
Capo Nord
Isole Samoa
isole Vergini
Isole Azzorre
Seychelles
Isole Cayman
Atollo di Mururoa
repubblica delle maldive
Isola di Niue
Penisola di Avalon
Isole Falkland
MicronesiIsole fiji
Malesia
Thailandia
Polinesia
Nuova Calidonia
Papua Nuova Guinea

Salentomare

Copyright (c)   |  Dichiarazione per la Privacy  |  Condizioni d'Uso