dicembre 06, 2019     | Registrazione
Punta Penne

Punta Penne- Granchio Rosso (Brindisi)
LOCALITA': Punta Penne
TIPOLOGIA: parete-
Immersione da terra o da barca
DIFFICOLTA': Facile
PROFONDITA MASSIMA:18 metri circa

 


DESCRIZIONE DELL’IMMERSIONE:

 

L’immersione  in località Punta Penne, non lontano dall’aeroporto di Brindisi “Papola Casale ”, è senza dubbio  suggestiva e capace di riservare molte sorprese al sub ricreativo.
Si  tratta di un’ immersione che è possibile effettuare sia da barca che da terra. Con l’utilizzo della barca l’ingresso in acqua è antistante ad una vera e propria “ barriera” di scogli che circonda tutto il litorale, sovrastato dall’antica torre di avvistamento  risalente al 1568.
Di contro, il subacqueo che predilige l’ingresso da terra  può procedere alla vestizione accanto alla torre, conscio però di dover fare un percorso molto lungo prima di arrivare alla fine degli scogli  per tuffarsi.
In entrambi i casi il punto d’immersione è estremamente ricco di vita e soprattutto di reperti archeologici. Il sub seguirà  il profilo della parete che  custodisce molte specie del mediterraneo.
Tra le più rappresentate ricordiamo  la discodoris  atromaculata (comunemente nota come vacchetta di mare) con la sua tipica colorazione a macchie.
Non raramente è possibile trovare  esemplari di lophius piscatorius (Rana Pescatrice) e di symphodus crenilabus roissolari (conosciuto come tordo verde).
La flora mediterranea presente è molto variegata: è possibile ammirare  pochi esemplari di axinella cannabina; molto più consistente la presenza di  padina pavonica (code di pavone) e di  acetabularia acetabulum (ombrellini di mare).
Come precedentemente  accennato questo punto d’immersione di interesse archeologico:sono ancora ben visibili ed abbondanti i frammenti di ceramica antica, soprattutto di anfore romane (anche i neofiti potranno distinguere colli d’anfora, orli e pareti).
Nel 1992 sul fondale nelle acque in località Punta del Serrone, poco prima delle spiagge di Punta Penne, sono stati recuperati  i celebri bronzi di Brindisi.
Questa scoperta è dovuta a cinque appassionati di pesca subacquea: Luigi Robusto, Teodoro ed Aldo Sciurti, Giancarlo Scorrano e Giuseppe Tamburrano.
In particolare sono stati recuperati due torsi di personaggi maschili della prima età imperiale romana, due teste barbate e due teste di personaggi maschili di età imperiale romana, una delle quali ritrae l'imperatore Tiberio; inoltre sono state individuate  due teste femminili di buona fattura e una di bambina.
Tali reperti sono visibili presso il Museo Archeologico Provinciale "Francesco Ribezzo" di Brindisi.


Per approfondire:
http://www.provincia.brindisi.it

Testo di Valentina Pascali

Elenco Grotte
Punti d'Immersione

Brindisi Lecce

Punta Penne- Granchio Rosso
Statua di Padre Pio
La Crocetta
Pic Nic
Bocche di Puglia
Relitto A.Deffenu
Diga Vecchia
Diga Nuova 1

La Conca
 

Lato ionico
Curvone
(S.Caterina)

Piazzetta
(S.Caterina)
Grottini della Reggia (S.M. al Bagno)
Montagna Spaccata (S.M. al Bagno)
Il Cappero (S.Caterina)
Lato Adriatico
Marina Serra e Canale del Rio (Tricase)
Punta le remite (Otranto)
La croce (Otranto)
Badisco parete destra (Porto Badisco)
Cala Badisco I e II (parete sinistra)
Porto Miggiano
Castro
Marina di Novaglie
Ciolo
Andrano


 


 

Copyright (c)   |  Dichiarazione per la Privacy  |  Condizioni d'Uso