gennaio 17, 2019     | Registrazione
SPUGNE
  Spugna Rete Gialla

Classificata per la prima volta  da Schmidt nel 1864, la Spugna gialla (Clathrina clathrus) è un organismo costituito da una struttura a sacco a sua volta composta da una serie di tubuli dal diametro variabile.
Questa spugna, molto ben attestata nel mediterraneo cresce in luoghi assai riparati: è facile infatti identificarla in grotte, in una profondità che varia dai 5 ai 25 metri.

Per svilupparsi necessita di una temperatura che varia dai 15 ai 18°C, mentre la sua alimentazione è essenzialmente costituita da  plancton, batteri e particelle organiche microscopiche.
Il suo periodo di maturazione è compreso tra marzo e maggio, mentre le uova vengono prodotte tra febbraio ed il mese di novembre.
 

 

 Axinella Cannabina

Identificata per la prima volta nel lontano  1794 da Esper, questa singolare spugna fa parte della famiglia delle Axinellidae.
Il suo colore varia da giallastro ad arancione e la sua forma è arborescente e molto variabile, sempre caratterizzata da numerose ed irregolari protuberanze sulle quali è possibile osservare ad occhio nudo gli osculi.

L'axinella cannabina può raggiungere anche altezze considerevoli, sino a raggiungere anche i 50 cm di altezza.
Predilige i fondali rocciosi, non è raro avvistarla su pareti che vanno dai 15-18 mt sino anche ai 100 metri di profondità.

 

 

Axinella Verrucosa 

L'axinella verrucosa è una spugna a sezione circolare caratterizzata  da una base a forma di "tronchetto" dal quale si dipartono varie ramificazioni
con tonalità varie,
dall'arancione al giallo.
La si può trovare più facilmente in fondali copmpresi tra i 10 ed i 30 metri di profondità.
Le sue dimensioni variano dai 10 ai 12 centimentri.
Dato che si tratta di un organismo che si alimanta attraverso e particelle alimentari sospese nell'acqua di mare, predilige zone dove esistono flussi di acqua marina ricchi di cibo.
E' una specie molto diffusa non solo nel bacino del Mediterraneo ma anche lungo le coste atlantiche orientali, dalla Mauritania alle isole britanniche.

   
   
   
   
   
   

 

Copyright (c)   |  Dichiarazione per la Privacy  |  Condizioni d'Uso