agosto 22, 2019     | Registrazione
ALGHE MARINE

 Code Di Pavone

Immergendosi  nei fondali mediterranei non è raro incontrare le suggestive code di pavone.
Questa particolare alga bruna  è particolarmente attestata a pochi metri di profondità e predilige un fondale roccioso e soprattutto ben illuminato.
il suo nome deriva proprio dalla curiosa forma del suo tallo che si apre a ventaglio creando un effetto visivo molto gradevole.
Il suo colore è generalmente di un bruno chiaro, tendente al biancastro a causa  della presenza del carbonato di calcio.Le sue dimensioni sono molto variabili, fino ad arrivare ad una dimensione massima di 20 cm di diametro.
La sua distribuzione nei mari è assai varia: la coda di pavone è attestata in mar nero, nel mediterraneo, nell'atlantico nord-occidentale e nord-orientale. 

 Ombrellini di mare

Gli ombrellini di mare appartengono alla famiglia delle Polyphysaceae e sono ben distribuiti  nelle acque del mediterraneo e in quelle subtropicali. Si tratta di organismi unicellulari di grandi dimensioni e per questo particolarmente  utilizzati nelle ricerche di biologia marina.
la loro altezza varia tra i 0.5 cm e i 10 cm e sono costituiti dal rizoide (l'elemento che potremmo equiparare alla radice), dallo stello e infine da una cima a forma di ombrello. In realtà la cima è costituita da una serie di ramificazioni disposte a raggiera la cui lunghezza varia dai 0.5 ai 1.2 cm. Il colore degli ombrellini di mare varia dal verdastro al bianco, quest'ultimo dovuto, come nel caso delle code di pavone, dalla presenza di carbonato di calcio. Quest'alga vive in fondali rocciosi fino ad una profondità massima di 30 mt anche se la sua diffusione è maggiormente attestata a basse profondità ed in luoghi ben illuminati. Durante la stagione invernale è possibile vedere solo il gambo, mentre il caratteristico ombrellino si sviluppa con l'avvento della primavera.

 

Caulerpa Racemosa

Classificata per la prima volta nel 1873 da J. Agardh la Caulerpa Racemosa  è un'alga verde appartenente  alla famiglia delle Caulerpaceae. Si tratta di una specie originaria del Mar Rosso, e diffusasi successivamente nelle acque del Mediterraneo, a seguito sia dell'apertura del Canale di Suez nel 1869 sia della costruzione della diga di Assuan.
La sua presenza nelle nostre acque è attestata sino ai 40 mt di profondità su fondali sabbiosi, fangosi e rocciosi. La Caulerpa  racemosa è caratterizzata  da numerosi rametti che si dipartono dall'asse principale e terminano con una serie di piccoli grappoli. Il colore di quest'alga è verde, a volte molto brillante.

 

Copyright (c)   |  Dichiarazione per la Privacy  |  Condizioni d'Uso